Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

SNODI SFERICI TESTE A SNODO ISB

SNODI SFERICI TESTE A SNODO ISB 

Ricerca Avanzata

Sotto-categorie

  • SNODI SFERICI GE ISB

    Con l’introduzione degli snodi sferici, sia richiedenti manutenzione sia non richiedenti manutenzione, avvenuta ormai da più di mezzo secolo, è stato possibile, grazie alla loro applicazione, ottenere un notevole vantaggio, quale: la trasmissione di movimento e carico in assenza di coppie e quindi in assenza di carichi radiali e tensioni di pressione negli elementi strutturali. L’utilizzo degli snodi sferici è estremamente variegato proprio perché comprende tutti i settori di costruzione di macchine, impianti ed automezzi.

    Normalmente quanto si parla di snodi sferici, s’intende con accoppiamento acciaio/acciaio, prodotti particolarmente utilizzati in presenza di
    carichi alterni, sollecitazioni di tipo dinamico e di urto. Gli snodi sferici con accoppiamento acciaio/ acciaio, sono prodotti utilizzando l’acciaio pregiato dei cuscinetti volventi; entrambi gli anelli sono torniti, temprati e rettificati su tutti i lati, poi successivamente trattati sulle superfici di strisciamento attraverso un procedimento (fosfatazione al manganese) ormai adottato da diverso tempo, poi successivamente protetti con strato di bisolfuro di molibdeno. Questo procedimento assicura un’ottima resistenza all’usura, a patto che gli snodi siano lubrificati a seconda degli intervalli previsti. Gli snodi sferici acciaio/acciaio si possono suddividere in tre categorie a seconda della direzione del carico: radiali, assiali ed a contatto obliquo.

  • SNODI SFERICI GEG ISB

    Con l’introduzione degli snodi sferici, sia richiedenti manutenzione sia non richiedenti manutenzione, avvenuta ormai da più di mezzo secolo, è stato possibile, grazie alla loro applicazione, ottenere un notevole vantaggio, quale: la trasmissione di movimento e carico in assenza di coppie e quindi in assenza di carichi radiali e tensioni di pressione negli elementi strutturali. L’utilizzo degli snodi sferici è estremamente variegato proprio perché comprende tutti i settori di costruzione di macchine, impianti ed automezzi.

    Normalmente quanto si parla di snodi sferici, s’intende con accoppiamento acciaio/acciaio, prodotti particolarmente utilizzati in presenza di
    carichi alterni, sollecitazioni di tipo dinamico e di urto. Gli snodi sferici con accoppiamento acciaio/ acciaio, sono prodotti utilizzando l’acciaio pregiato dei cuscinetti volventi; entrambi gli anelli sono torniti, temprati e rettificati su tutti i lati, poi successivamente trattati sulle superfici di strisciamento attraverso un procedimento (fosfatazione al manganese) ormai adottato da diverso tempo, poi successivamente protetti con strato di bisolfuro di molibdeno. Questo procedimento assicura un’ottima resistenza all’usura, a patto che gli snodi siano lubrificati a seconda degli intervalli previsti. Gli snodi sferici acciaio/acciaio si possono suddividere in tre categorie a seconda della direzione del carico: radiali, assiali ed a contatto obliquo.

  • SNODI SFERICI GEEW ISB

    Con l’introduzione degli snodi sferici, sia richiedenti manutenzione sia non richiedenti manutenzione, avvenuta ormai da più di mezzo secolo, è stato possibile, grazie alla loro applicazione, ottenere un notevole vantaggio, quale: la trasmissione di movimento e carico in assenza di coppie e quindi in assenza di carichi radiali e tensioni di pressione negli elementi strutturali. L’utilizzo degli snodi sferici è estremamente variegato proprio perché comprende tutti i settori di costruzione di macchine, impianti ed automezzi.

    Normalmente quanto si parla di snodi sferici, s’intende con accoppiamento acciaio/acciaio, prodotti particolarmente utilizzati in presenza di
    carichi alterni, sollecitazioni di tipo dinamico e di urto. Gli snodi sferici con accoppiamento acciaio/ acciaio, sono prodotti utilizzando l’acciaio pregiato dei cuscinetti volventi; entrambi gli anelli sono torniti, temprati e rettificati su tutti i lati, poi successivamente trattati sulle superfici di strisciamento attraverso un procedimento (fosfatazione al manganese) ormai adottato da diverso tempo, poi successivamente protetti con strato di bisolfuro di molibdeno. Questo procedimento assicura un’ottima resistenza all’usura, a patto che gli snodi siano lubrificati a seconda degli intervalli previsti. Gli snodi sferici acciaio/acciaio si possono suddividere in tre categorie a seconda della direzione del carico: radiali, assiali ed a contatto obliquo.

  • SNODI SFERICI GEEM ISB

    Con l’introduzione degli snodi sferici, sia richiedenti manutenzione sia non richiedenti manutenzione, avvenuta ormai da più di mezzo secolo, è stato possibile, grazie alla loro applicazione, ottenere un notevole vantaggio, quale: la trasmissione di movimento e carico in assenza di coppie e quindi in assenza di carichi radiali e tensioni di pressione negli elementi strutturali. L’utilizzo degli snodi sferici è estremamente variegato proprio perché comprende tutti i settori di costruzione di macchine, impianti ed automezzi.

    Normalmente quanto si parla di snodi sferici, s’intende con accoppiamento acciaio/acciaio, prodotti particolarmente utilizzati in presenza di
    carichi alterni, sollecitazioni di tipo dinamico e di urto. Gli snodi sferici con accoppiamento acciaio/ acciaio, sono prodotti utilizzando l’acciaio pregiato dei cuscinetti volventi; entrambi gli anelli sono torniti, temprati e rettificati su tutti i lati, poi successivamente trattati sulle superfici di strisciamento attraverso un procedimento (fosfatazione al manganese) ormai adottato da diverso tempo, poi successivamente protetti con strato di bisolfuro di molibdeno. Questo procedimento assicura un’ottima resistenza all’usura, a patto che gli snodi siano lubrificati a seconda degli intervalli previsti. Gli snodi sferici acciaio/acciaio si possono suddividere in tre categorie a seconda della direzione del carico: radiali, assiali ed a contatto obliquo.

  • SNODI SFERICI GEZ ISB

    Con l’introduzione degli snodi sferici, sia richiedenti manutenzione sia non richiedenti manutenzione, avvenuta ormai da più di mezzo secolo, è stato possibile, grazie alla loro applicazione, ottenere un notevole vantaggio, quale: la trasmissione di movimento e carico in assenza di coppie e quindi in assenza di carichi radiali e tensioni di pressione negli elementi strutturali. L’utilizzo degli snodi sferici è estremamente variegato proprio perché comprende tutti i settori di costruzione di macchine, impianti ed automezzi.

    Normalmente quanto si parla di snodi sferici, s’intende con accoppiamento acciaio/acciaio, prodotti particolarmente utilizzati in presenza di
    carichi alterni, sollecitazioni di tipo dinamico e di urto. Gli snodi sferici con accoppiamento acciaio/ acciaio, sono prodotti utilizzando l’acciaio pregiato dei cuscinetti volventi; entrambi gli anelli sono torniti, temprati e rettificati su tutti i lati, poi successivamente trattati sulle superfici di strisciamento attraverso un procedimento (fosfatazione al manganese) ormai adottato da diverso tempo, poi successivamente protetti con strato di bisolfuro di molibdeno. Questo procedimento assicura un’ottima resistenza all’usura, a patto che gli snodi siano lubrificati a seconda degli intervalli previsti. Gli snodi sferici acciaio/acciaio si possono suddividere in tre categorie a seconda della direzione del carico: radiali, assiali ed a contatto obliquo.

  • SNODI SFERICI GX ISB

    Con l’introduzione degli snodi sferici, sia richiedenti manutenzione sia non richiedenti manutenzione, avvenuta ormai da più di mezzo secolo, è stato possibile, grazie alla loro applicazione, ottenere un notevole vantaggio, quale: la trasmissione di movimento e carico in assenza di coppie e quindi in assenza di carichi radiali e tensioni di pressione negli elementi strutturali. L’utilizzo degli snodi sferici è estremamente variegato proprio perché comprende tutti i settori di costruzione di macchine, impianti ed automezzi.

    Normalmente quanto si parla di snodi sferici, s’intende con accoppiamento acciaio/acciaio, prodotti particolarmente utilizzati in presenza di
    carichi alterni, sollecitazioni di tipo dinamico e di urto. Gli snodi sferici con accoppiamento acciaio/ acciaio, sono prodotti utilizzando l’acciaio pregiato dei cuscinetti volventi; entrambi gli anelli sono torniti, temprati e rettificati su tutti i lati, poi successivamente trattati sulle superfici di strisciamento attraverso un procedimento (fosfatazione al manganese) ormai adottato da diverso tempo, poi successivamente protetti con strato di bisolfuro di molibdeno. Questo procedimento assicura un’ottima resistenza all’usura, a patto che gli snodi siano lubrificati a seconda degli intervalli previsti. Gli snodi sferici acciaio/acciaio si possono suddividere in tre categorie a seconda della direzione del carico: radiali, assiali ed a contatto obliquo.

  • SNODI SFERICI GAC ISB

    Con l’introduzione degli snodi sferici, sia richiedenti manutenzione sia non richiedenti manutenzione, avvenuta ormai da più di mezzo secolo, è stato possibile, grazie alla loro applicazione, ottenere un notevole vantaggio, quale: la trasmissione di movimento e carico in assenza di coppie e quindi in assenza di carichi radiali e tensioni di pressione negli elementi strutturali. L’utilizzo degli snodi sferici è estremamente variegato proprio perché comprende tutti i settori di costruzione di macchine, impianti ed automezzi.

    Normalmente quanto si parla di snodi sferici, s’intende con accoppiamento acciaio/acciaio, prodotti particolarmente utilizzati in presenza di
    carichi alterni, sollecitazioni di tipo dinamico e di urto. Gli snodi sferici con accoppiamento acciaio/ acciaio, sono prodotti utilizzando l’acciaio pregiato dei cuscinetti volventi; entrambi gli anelli sono torniti, temprati e rettificati su tutti i lati, poi successivamente trattati sulle superfici di strisciamento attraverso un procedimento (fosfatazione al manganese) ormai adottato da diverso tempo, poi successivamente protetti con strato di bisolfuro di molibdeno. Questo procedimento assicura un’ottima resistenza all’usura, a patto che gli snodi siano lubrificati a seconda degli intervalli previsti. Gli snodi sferici acciaio/acciaio si possono suddividere in tre categorie a seconda della direzione del carico: radiali, assiali ed a contatto obliquo.

  • SNODI SFERICI SSR ISB
  • TERMINALI SFERICI SQ ISB
  • TERMINALI SFERICI SQZ ISB
  • TERMINALI SFERICI SI ISB
  • TESTE A SNODO FEMMINA TSF ISB

    Le teste a snodo della serie TSF - TSM, sono disponibili con filettatura a destra ed a sinistra, in accoppiamento acciaio/bronzo ed acciaio/
    PTFE; sono prevalentemente utilizzate per: cilindri pneumatici, ingranaggi a biella, macchine per la stampa ed etichettatura, macchine per imballaggio, impianti di riempimento ed azionamenti meccanici.
    Possono essere fornite anche in acciaio inox (fusione AISI 304 ed anello interno AISI 440 C), particolarmente indicate nel settore alimentare, chimico/farmaceutico, in presenza di liquidi ossidanti o corrosivi (acqua, acidi ecc…).

  • TESTE A SNODO MASCHIO TSM ISB

    Le teste a snodo della serie TSF - TSM, sono disponibili con filettatura a destra ed a sinistra, in accoppiamento acciaio/bronzo ed acciaio/
    PTFE; sono prevalentemente utilizzate per: cilindri pneumatici, ingranaggi a biella, macchine per la stampa ed etichettatura, macchine per imballaggio, impianti di riempimento ed azionamenti meccanici.
    Possono essere fornite anche in acciaio inox (fusione AISI 304 ed anello interno AISI 440 C), particolarmente indicate nel settore alimentare, chimico/farmaceutico, in presenza di liquidi ossidanti o corrosivi (acqua, acidi ecc…).

  • TESTE A SNODO TAC ISB

    Teste a snodo per idraulica con fusione saldabile T.A.C.

    Sono presenti due tipologie di teste a snodo per idraulica con fusione saldabile, entrambe disponibili in accoppiamento acciaio/acciaio. La
    prima tipologia (T.A.C.), costruita in acciaio fucinato, prevede alle estremità circolari, uno smusso di saldatura a 45° che consente una facile saldatura allo stelo del pistone; sono centrabili attraverso una spina di riferimento situata al centro della superficie d’appoggio. Lo snodo sferico è fissato assialmente nel foro di montaggio grazie ad una bordatura.
    La seconda tipologia (T.P.N.), costruita in acciaio fucinato fino ad un diametro del foro di 50 mm., oltre è prodotta in acciaio laminato, presenta le estremità da saldare di forma rettangolare, questo particolare facilita notevolmente l’assemblaggio sui fondelli dei cilindri; mediante due anelli di sicurezza gli snodi sono fissati assialmente nel foro di montaggio.

  • TESTE A SNODO TAPRN ISB

    Teste a snodo per idraulica TAPR.N

    La loro realizzazione è eseguita secondo le normative DIN ISO 12240-4, serie K. Le teste a snodo per idraulica, sono formate da
    un gambo filettato con un taglio longitudinale e due viti ad esagono incassato che consentono il bloccaggio sulla filettatura dell’asta.
    Attraverso due anelli di sicurezza, gli snodi, in accoppiamento acciaio/acciaio, sono fissati assialmente nel foro di montaggio.
    Le teste a snodo per idraulica, sono costruite in acciaio fucinato C45, fino ad un diametro nominale di 50 mm., oltre è utilizzata ghisa sferoidale; le superfici sono trattate per resistere alla corrosione.

  • TESTE A SNODO TAPRU ISB

    Teste a snodo per idraulica TAPR.U

    La loro realizzazione è eseguita secondo le normative DIN ISO 12240-4, serie K. Le teste a snodo per idraulica, sono formate da
    un gambo filettato con un taglio longitudinale e due viti ad esagono incassato che consentono il bloccaggio sulla filettatura dell’asta.
    Attraverso due anelli di sicurezza, gli snodi, in accoppiamento acciaio/acciaio, sono fissati assialmente nel foro di montaggio.
    Le teste a snodo per idraulica, sono costruite in acciaio fucinato C45, fino ad un diametro nominale di 50 mm., oltre è utilizzata ghisa sferoidale; le superfici sono trattate per resistere alla corrosione.

  • TESTE A SNODO TPN ISB

    Teste a snodo per idraulica con fusione saldabile T.P.N.

    Sono presenti due tipologie di teste a snodo per idraulica con fusione saldabile, entrambe disponibili in accoppiamento acciaio/acciaio. La
    prima tipologia (T.A.C.), costruita in acciaio fucinato, prevede alle estremità circolari, uno smusso di saldatura a 45° che consente una facile saldatura allo stelo del pistone; sono centrabili attraverso una spina di riferimento situata al centro della superficie d’appoggio. Lo snodo sferico è fissato assialmente nel foro di montaggio grazie ad una bordatura.
    La seconda tipologia (T.P.N.), costruita in acciaio fucinato fino ad un diametro del foro di 50 mm., oltre è prodotta in acciaio laminato, presenta le estremità da saldare di forma rettangolare, questo particolare facilita notevolmente l’assemblaggio sui fondelli dei cilindri; mediante due anelli di sicurezza gli snodi sono fissati assialmente nel foro di montaggio.

  • TESTE A SNODO TPNCE ISB
  • TESTE A SNODO TAPRDO ISB

    Teste a snodo per idraulica TAPR.DO

    La loro realizzazione è eseguita secondo le normative DIN ISO 12240-4, serie K. Le teste a snodo per idraulica, sono formate da
    un gambo filettato con un taglio longitudinale e due viti ad esagono incassato che consentono il bloccaggio sulla filettatura dell’asta.
    Attraverso due anelli di sicurezza, gli snodi, in accoppiamento acciaio/acciaio, sono fissati assialmente nel foro di montaggio.
    Le teste a snodo per idraulica, sono costruite in acciaio fucinato C45, fino ad un diametro nominale di 50 mm., oltre è utilizzata ghisa sferoidale; le superfici sono trattate per resistere alla corrosione.

  • TESTE A SNODO TAPRCE ISB

    Teste a snodo per idraulica TAPR.CE

    La loro realizzazione è eseguita secondo le normative DIN ISO 12240-4, serie K. Le teste a snodo per idraulica, sono formate da
    un gambo filettato con un taglio longitudinale e due viti ad esagono incassato che consentono il bloccaggio sulla filettatura dell’asta.
    Attraverso due anelli di sicurezza, gli snodi, in accoppiamento acciaio/acciaio, sono fissati assialmente nel foro di montaggio.
    Le teste a snodo per idraulica, sono costruite in acciaio fucinato C45, fino ad un diametro nominale di 50 mm., oltre è utilizzata ghisa sferoidale; le superfici sono trattate per resistere alla corrosione.

  • SNODO SFERICO RADIALE GE INOX ISB
  • TESTA A SNODO FEMMINA TSF INOX ISB

    Le teste a snodo della serie TSF - TSM, sono disponibili con filettatura a destra ed a sinistra, in accoppiamento acciaio/bronzo ed acciaio/
    PTFE; sono prevalentemente utilizzate per: cilindri pneumatici, ingranaggi a biella, macchine per la stampa ed etichettatura, macchine per imballaggio, impianti di riempimento ed azionamenti meccanici.
    Possono essere fornite anche in acciaio inox (fusione AISI 304 ed anello interno AISI 440 C), particolarmente indicate nel settore alimentare, chimico/farmaceutico, in presenza di liquidi ossidanti o corrosivi (acqua, acidi ecc…).

  • TESTA A SNODO MASCHIO TSM INOX ISB

    Le teste a snodo della serie TSF - TSM, sono disponibili con filettatura a destra ed a sinistra, in accoppiamento acciaio/bronzo ed acciaio/
    PTFE; sono prevalentemente utilizzate per: cilindri pneumatici, ingranaggi a biella, macchine per la stampa ed etichettatura, macchine per imballaggio, impianti di riempimento ed azionamenti meccanici.
    Possono essere fornite anche in acciaio inox (fusione AISI 304 ed anello interno AISI 440 C), particolarmente indicate nel settore alimentare, chimico/farmaceutico, in presenza di liquidi ossidanti o corrosivi (acqua, acidi ecc…).

  • FORCELLA FK ISB
  • CLIP PER FORCELLA CL ISB
  • PERNO PM PER FORCELLA ISB
  • TERMINALI SFERICI SA ISB

Gli snodi sferici, sono componenti meccanici orientabili, pronti per essere applicati. Presentano dimensioni unificate e permettono la trasmissione di forze sia statiche sia dinamiche, congiuntamente a movimenti di allineamento oscillatori, rotatori e ribaltatori in più direzioni. L’anello interno è dotato di una superficie esterna sferica convessa e l’anello esterno è ugualmente sferico, ma presenta una superficie interna concava. Sono disponibili con superficie di scorrimento realizzate in combinazione acciaio su acciaio ed in molte altre esecuzioni che non richiedono manutenzione. Le teste a snodo sono costituite da un corpo, definito anche fusione, a forma di testa nel quale è inserito in modo permanente, nell’apposita sede, uno snodo sferico, la cui precisione dimensionale e di forma del diametro interno ed esterno, fa riferimento alle stesse norme DIN per i cuscinetti volventi. Anche le principali dimensioni di snodi sferici e teste a snodo seguono le norme DIN; riconosciute a carattere internazionale dalle norme ISO. Gli snodi sferici ISB® sono costruiti rispettando le principali tolleranze e dimensioni per il montaggio, indicate dalle norme sopra citate, questo consente pertanto l’intercambiabilità con i prodotti dei principali Leader presenti sul mercato.