Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

RUOTE LIBERE NBS 

Ricerca Avanzata

Le ruote libere ad astuccio hanno come caratteristica principale il minimo ingombro radiale, possono trasmettere elevati momenti torcenti e permettono di realizzare dei gruppi compatti. Sono composte da un anello esterno con parete sottile e da elementi di bloccaggio (rullini) che vengono trattenuti e guidati da molle, ed hanno il vantaggio di garantire un contatto costante tra l’albero i rullini e le superfici di
bloccaggio. Questo crea il presupposto di un elevata precisione d’innesto, anche se occorre tenere presente altri fattori come lubrificazione, tolleranze, frequenza d’innesto ecc. Per facilitare il montaggio delle ruote libere è necessario praticare uno smusso sia sull’alloggiamento che sull’albero. Le molle che trattengono i rullini possono essere costruite sia con materiale plastico che in acciaio, chiaramente se sono in plastica si possono raggiungere delle temperature d’esercizio più limitate, da -10° C. a +60° C., mentre se sono in acciaio si possono oltrepassare arrivando fino a -30°C. e +80°C. Le ruote con molle in acciaio sono indicate per applicazioni dove siano previste elevate frequenze d’innesto, tenendo ben presente di non sovraccaricare la ruota libera. Sull’astuccio viene indicato il senso di bloccaggio. Le ruote libere vengono fornite già lubrificate con grasso e trovano il loro impiego in molteplici applicazioni. Si ricorda inoltre che se viene utilizzato l’albero come pista di rotolamento, andrà rettificato e portato ad una durezza il più possibile vicino a quella dei
rullini per avere così la possibilità di sfruttare al massimo la velocità di rotazione e la durata. Solitamente la prima lubrificazione è sufficiente per tutta la durata dì utilizzo della ruota libera; nel caso che ci fosse necessità di un ulteriore ingrassaggio può essere eseguito senza problema alcuno. Si consiglia per il montaggio di utilizzare apposito attrezzo forzando la ruota libera nella sede e facendo attenzione al senso di bloccaggio.
Le ruote libere HF sono in grado di trasmettere solamente dei momenti torcenti, quindi le forze radiali devono essere supportate da cuscinetti aggiuntivi. Per ciò che riguarda le ruote libere con supporti HFL occorre che ciascun lato della ruota sia integrato con cuscinetti
radiali, per avere quindi la possibilità di assorbire forze radiali. Al variare della dimensione dell’albero varia il tipo di cuscinetto che sì può utilizzare (o a strisciamento o a rotolamento).